Salta al contenuto principale
Attendere prego...

Telemedicina, una risorsa per i professionisti e le pazienti della Breast Unit

Filippo Montemurro
Dott. Filippo Montemurro
Direttore Breast Unit

Con oltre 400 nuovi casi di tumore al seno trattati e 1000 interventi chirurgici all’anno - destinati ad aumentare, grazie all'incremento del numero dei chirurghi senologi dedicati - e una produzione scientifica costante, la Breast Unit dell’Istituto di Candiolo è uno dei centri di riferimento per la cura nelle neoplasie mammarie non solo in Piemonte ma anche a livello nazionale. La multidisciplinarietà, che prevede l’integrazione e l’armonizzazione di diverse figure professionali per gestire la patologia nei suoi molteplici aspetti, e la continuità dell’assistenza, che consente alla paziente di essere costantemente seguita e accompagnata nel suo percorso, alla Breast Unit di Candiolo sono assicurate anche dall’impiego degli strumenti di comunicazione a distanza, in una parola dalla telemedicina o, all’anglossassone, dalla digital health. 

Il ricorso alla telemedicina, cioè all'insieme delle tecnologie che permettono di fornire servizi sanitari a distanza, ha certamente subito un incremento negli ultimi due anni, con l’espandersi della pandemia da Covid-19.  Non si tratta tuttavia soltanto di un fenomeno legato alla necessità contingente ma è parte di un processo di evoluzione verso una migliore qualità di cura e assistenza, una più rapida comunicazione tra il paziente e la struttura e un più efficiente coordinamento tra gli specialisti.

Un’evoluzione in atto anche presso la Breast Unit di Candiolo dove la comunicazione a distanza caratterizza in particolare le riunioni del Gruppo Interdisciplinare Cure (GIC), nelle quali vengono discusse e condivise la strategia e il piano terapeutico di ciascuna paziente: “Il collegamento tramite piattaforme informatiche, introdotto durante la pandemia e divenuto oggi modalità standard”, commenta il Dottor Filippo Montemurro, coordinatore della Breast Unit, “permette la partecipazione di un numero molto ampio di specialisti e, allargando il confronto e arricchendolo con il contributo di molteplici professionalità, contribuisce a ottenere una visione complessiva della persona malata e a definire un percorso di cura sempre più appropriato e personalizzato.”
Inoltre la partecipazione ai meeting virtuali del team multidisciplinare è aperta anche a specialisti esterni all’Istituto, favorendo così il confronto, lo scambio di pareri e la collaborazione a distanza fra professionisti di strutture diverse, a tutto vantaggio della qualità della cura e dell’assistenza alle pazienti.

Dei vantaggi della comunicazione a distanza mediata dalla tecnologia fanno esperienza diretta anche le stesse pazienti della Breast Unit dell’Istituto: per loro, e per tutte le persone che desiderano mettersi in contatto con gli specialisti del team, sono infatti a disposizione un indirizzo e-mail - donna@ircc.it – e un numero Whatsapp - 389.1635318 – gestiti dalle "Breast Care Nurses”, le infermiere della senologia, dove è possibile in qualsiasi momento segnalare problemi, chiedere consigli o informazioni. Ogni messaggio ricevuto viene opportunamente inoltrato allo specialista di riferimento che fornisce una risposta in tempi rapidi: un sistema efficace per un più diretto rapporto medico-paziente e che offre a ogni donna la sicurezza di essere assistita e seguita con continuità. Non solo: “Questi canali di comunicazione ci permettono anche di intervenire tempestivamente quando necessario”, aggiunge il Dottor Montemurro; “per esempio, per una signora che ci ha comunicato di avvertire un nodulo al seno abbiamo potuto rapidamente eseguire un accertamento diagnostico”.

La telemedicina è una risorsa anche perché, permettendo di connettersi a centri d’eccellenza lontani dal proprio domicilio, può evitare ai pazienti spostamenti da un’area all’altra del Paese. Contribuendo a ridurre i divari geografici e territoriali, la medicina a distanza rappresenta quindi uno strumento essenziale per garantire la cosiddetta oncologia di prossimità. Proprio per offrire a tutti la possibilità di ottenere una consulenza di qualità, la Breast Unit dell’Istituto ha attivato un servizio di consulto medico in telemedicina, accessibile dall’area prenotazioni del sito dell’Istituto ( https://www.irccs.com/it/prenotazioni ).
Tramite il consulto online – gestito dalla piattaforma Ultraspecialisti.it - lo specialista della Breast Unit può effettuare la valutazione dell’anamnesi della paziente, verificare l’esito di esami già effettuati, prescrivere eventuali approfondimenti diagnostici e fornire una seconda opinione. Nel contesto del teleconsulto la paziente può anche trasmettere dati clinici, referti medici, immagini, e ricevere prescrizioni in tutta sicurezza, grazie ad appositi protocolli informatici che garantiscono la privacy e la riservatezza.
 

About

Inaugurato nel 1997, l'Istituto di Candiolo si configura quale centro di riferimento internazionale per la cura e la ricerca nell'ambito delle malattie oncologiche.